Cerca
Sei in: Home > Sistemi valutazione

 

IL SISTEMA DI VALUTAZIONE

 

Il sistema di valutazione della Laurea Magistrale comprende la valutazione formativa e certificativa dell'apprendimento degli studenti e una valutazione del progetto formativo da parte dei docenti e degli studenti. La valutazione di tipo formativo si realizza durante il percorso attraverso la valutazione delle attività didattiche e del tutorato, in forma di eterovalutazione, autovalutazione e valutazione tra pari. La valutazione di tipo certificativo si realizza attraverso la valutazione dei corsi integrati e la valutazione dell'apprendimento esperienziale. La valutazione del progetto formativo complessivo si realizza attraverso incontri periodici collegiali dei docenti ed una valutazione finale di gradimento da parte degli studenti.

VERIFICA DELL'APPRENDIMENTO 

La verifica dell'apprendimento si realizza attraverso le valutazioni certificative (esami di profitto), secondo le modalità previste da ciascun corso integrato e la valutazione dell'apprendimento eperienziale. Il CCLM approva la tipologia delle prove di esame necessarie per valutare l'apprendimento degli Studenti. Il numero complessivo degli esami è stabilito dal Piano di studi annuale. Le valutazioni certificative sono finalizzate a valutare e quantificare con un voto il conseguimento degli obiettivi dei corsi, certificando il grado di preparazione individuale degli Studenti. Il voto è espresso in trentesimi.

Gli esami di profitto possono essere effettuati esclusivamente nei periodi a ciò dedicati e denominati sessioni d'esame.

Le valutazioni formative (prove in itinere) sono intese a rilevare l'efficacia dei processi di apprendimento e d'insegnamento nei confronti di determinati contenuti disciplinari o professionali; come tali fanno parte integrante dell'attività di insegnamento e devono quindi svolgersi nell'ambito dei tempi assegnati ai corsi. Tali attività non hanno finalità certificativa e si svolgono pertanto in forma assolutamente anonima. 

Le sessioni di esame dei CS .II sono fissate in quattro periodi:

- 1a sessione: giugno-luglio, 

- 2a sessione: settembre 

- 3° sessione: dicembre 

- 4a sessione: gennaio - febbraio,

 Le date di inizio e di conclusione delle sessioni d'esame sono fissate nella programmazione didattica. La prima e la seconda sessione hanno, di norma, una durata di quattro settimane. In ogni sessione sono definite le date di inizio degli appelli. Per ogni  C.I. è previsto, di norma, un solo appello per ogni sessione di esame. Durante la prima e la seconda sessione d'esame sono sospese le attività didattiche. Le date degli esami, una volte pubblicate, non possono essere in alcun caso anticipate. Al fine di consentire una efficiente programmazione degli esami (disposizione delle aule, programmazione della sequenza degli esami da parte degli studenti, etc.), i docenti sono tenuti a comunicare all'inizio di ogni anno accademico le date degli appelli di tutte le sessioni.

Le Commissioni esaminatrici per gli esami di profitto, nominate dal Preside su indicazione del Presidente del CCLM, sono composte da almeno due membri e sono presiedute, di norma, dal Responsabile di C.I. E' possibile operare per sottocommissioni, purché queste siano composte da almeno due membri. 

Nel caso di assenza di uno o più membri di una Commissione alla data di appello d'esame, il Presidente della Commissione può disporre la sostituzione dei membri ufficiali con i membri supplenti della stessa. 

Alla fine di ciascun periodo dedicato all'elaborazione di un progetto si effettua una valutazione di merito dello studente in relazione agli obiettivi di apprendimento programmati. La valutazione di ciascun progetto deve essere portata a conoscenza dello studente. Durante la sessione di valutazione lo studente presenterà sinteticamente i risultati del progetto, i risultati del proprio apprendimento, la propria autovalutazione e la valutazione tra pari effettuata tra gli studenti dell'anno di corso.

Nell'effettuare la valutazione la Commissione terrà conto della documentazione riguardante la relazione di progetto, della presentazione e della capacità di sostenere il contradditorio da parte dello studente. Il tutor che ha seguito lo studente durante il progetto è presente nella Commissione, ma non interviene nella valutazione di tipo certificativo.

Al termine di ciascun anno accademico, una Commissione composta da un minimo di due docenti degli specifici profili professionali, da almeno un docente per Corso Integrato epresieduta dal Presidente del CCLM o da un suo delegato, certifica il livello diapprendimento in ambito esperienziale raggiunto dallo studente, tenendo conto del percorso di apprendimento di tutto l'anno. La valutazione è espressa in trentesimi. In caso di valutazione complessivamente negativa del percorso, questo dovrà essere ripetuto per intero nell'anno accademico successivo.


Ultimo aggiornamento: 04/08/2014 10:08
Campusnet Unito
Non cliccare qui!